Il presepe "verde" a Forgaria nel Friuli

L’idea del presepe nasce all’interno del progetto della scuola già avviato da anni con la società A&T 2000 che detiene vari incontri con tutti gli alunni dell’istituto sulla tematica ambientale e sulla buona differenziazione dei rifiuti. Questa visione di creare il presepe con materiali di scarto, inizia soprattutto per consentire ed insegnare ai bambini il rispetto per l’ambiente e per trasmettere l’importanza del riuso dei materiali consumabili. 
Il presepe, prende forma riutilizzando le cialdine usate del caffè, pezzi di carta e cartone, pezzi di tessuto e ritagli di stoffa, con plastica varia di diverse misure e oggetti usati di rifiuto. Tale disegno e progetto ha avuto lo scopo di sensibilizzare i bambini, futuri cittadini attivi e “capi” del nostro paese a far conoscere varie tecniche inerenti il riciclo e la creatività. 

L’iniziativa connessa allo stimolo della fantasia e alla didattica, è stata progettata come aggiuntiva ed integrativa ai modi abituali di assimilare e di fare scuola. Lo stimolo creativo, pertanto è stato un’occasione per vivificare il cammino dei bambini nell’istruzione, favorendo anche un apprendimento divertente implicando soprattutto la loro rielaborazione personale. Si è partiti dalle loro istanze più profonde cercando di valorizzare un apprendimento che non rimanesse inerte, ma entrando in vero contatto con la struttura dinamica della mente.
Le insegnanti, prendendo spunto dall’ultimo incontro effettuato con la società A&T 2000 avvenuto ad ottobre, sulla tematica ambientale, hanno costantemente cercato di stimolare i bambini offrendo strumenti, mezzi e varie tecniche incoraggianti.
L’obiettivo principale è stato anche riportare a scuola il fascino dell’artigiano, del maker e dello sperimentatore, attraverso lo sviluppo degli alunni della consapevolezza che gli oggetti si possano progettare, creare e riciclare. Si è cercato un piano sviluppato su più fronti per stimolare in tutti i bambini un tipo di pensiero “allargato”. Tutto il team docenti ha cercato costantemente per tutti gli alunni di creare un buon ambiente scolastico dove fare esperienze esilaranti diverse dal solito.
Malgrado il periodo non semplice per l’emergenza covid, la scuola ha mediato creando un ambiente “sicuro” ma allo stesso tempo sereno, incoraggiando ad imparare creando anche con manualità, spensieratezza e gioco. Inoltre, attraverso il pensiero progettuale, incubatore di idee, gli studenti hanno appreso mettendo in pratica curiosità e fantasia; un bellissimo punto di incontro tra istruzione formale ed informale e soprattutto tra materiali, nozioni e strumenti. 

Grazie a tutto il lavoro si è cercato di trasmettere ai bambini il rispetto per l’ambiente sviluppando la sensibilità alla tematica “green” e di eco sostenibilità. Il tutto, si è sviluppato facendo acquisire anche diverse competenze trasversali di cittadinanza e costituzione, spendibili sia in contesti scolastici che extrascolastici. Inoltre, si è cercato di trasmettere agli alunni l’implementazione di questo tipo di pensiero “verde” per l’ambiente, per formare in modo considerabile i futuri ragazzi, futuri uomini e donne come generazione del domani che diventeranno nel paese di Forgaria e del mondo intero. Tutto il plesso della scuola primaria ha cercato di valorizzare “l’arte del fare” trasferendo il piacere dell’ascolto, della collaborazione, dell’osservazione e dell’imparare alternativamente. Tale produzione è stata possibile anche grazie all’aiuto della Proloco di Forgaria, che attraverso la donazione di alcuni materiali per la realizzazione del presepe si è riusciti a creare un bel  lavoro perfino di grandi dimensioni. Quindi, per quanto tutto ciò che riguarda l’ambiente suscita già di per sé, sempre tanto interesse ed entusiasmo, si ringraziano tutti coloro che in qualche modo, seppur indirettamente, hanno reso possibile l’idea di creare la “scuola” come ambiente promotore ed alternativo di una vera e propria comunità educante. Inoltre, si ringraziano il dirigente, la scuola intera e tutti coloro che in qualche modo hanno collaborato alla costruzione di tale progetto con un grande e solo fine: 

il fine del miglioramento, della collaborazione e della “Vera Crescita”.